L’Abruzzo assomiglia al Tibet

Print Friendly
Segnala Articolo

abruzzo100

Vaste praterie abitate soltanto da qualche pastore con il suo gregge. Laghi che spuntano all’improvviso tra le montagne imbiancate. Ruscelli d’acqua che scorrono in superficie, tra il verde e le pietre levigate. Cime rocciose sulle quali, tra gole e solchi profondi, la luce del sole si riflette in mille modi diversi.
Siamo in Abruzzo, all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, ma sembra di stare in Tibet o, in alcuni casi, tra i canyon del nord America o persino tra le praterie irlandesi. Le immagini sono del fotografo Maurizio Anselmi, che ha trascorso gli ultimi dieci anni della sua vita professionale a immortalare gli angoli più nascosti e incontaminati di una delle regioni più verdi d’Europa (testi di Nicola Catenaro – foto di Maurizio Anselmi)

Foto eseguite e di proprietà © Maurizio Anselmi  articolo del Corriere della Sera

Photo Gallery

 

 

Print Friendly
Segnala Articolo



Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


*