22.01.2019

Aggiornato:   11/01/2019 20:02:35 Registrati | LoginPassword persa? | Newsletter |


Mutignano borgo di Pineto

Mutignano fa parte del comune di Pineto, in provincia di Teramo, nella regione Abruzzo

Print Friendly
Segnala Articolo

mutignano-1

Il borgo antico di Mutignano (321 m s.l.m.) si trova a metà strada tra la città di Atri e il mare. Rappresenta le radici storiche dell’odierna Pineto e la sua origine è legata all’antica Hatria Picena, l’odierna Atri. L’insediamento risale all’epoca medievale. È posto sul crinale di una altura che domina il mutimare e le vallate circostanti e si sviluppa linearmente attorno ad un corso principale (Corso Umberto I). Mutignano si estende sulle colline a ridosso del litorale di Pineto, attorniato dal magico fenomeno calanchivo con un tessuto urbano ed edilizio in prevalenza ottocentesco e moderno. Si sviluppa attorno ad un corso principale con i caratteristici vicoli che si estendono in ramificazioni laterali, sino ad arrivare al Parco Castellaro considerato il primo sito storico del borgo medioevale dove fu costruita, verosimilmente, la prima chiesetta di Mutignano in onore della Santissima Trinità. Il borgo custodisce un patrimonio architettonico ed artistico di riconosciuta valenza con la Chiesa medievale del patrono S. Silvestro Papa considerata l’ emergenza architettonica più importante, ben conservata grazie ai restauri quattrocenteschi e settecenteschi , con una manutenzione ordinaria assicurata fino ai nostri giorni. Analoga attenzione non è stata riservata alla Chiesa di Santa Maria della Consolazione situata, provenendo da Pineto, poco prima dell’ingresso al borgo antico, sul lato sinistro, nella località conosciuta come “Cona“, il cui etimo proviene proprio dalla Chiesa che ancora oggi è chiamata “Chiesa della Cona”, ovvero luogo dove veniva venerata “l’Icona“.

madonna-mutignano

Agli occhi dei cittadini, dei turisti e dei passanti si presenta racchiusa in una recinzione di protezione che appare come un’ estremo tentativo di preservarne la sagoma in attesa di miracolosi interventi, con l’installazione provvisoria di un tetto in lamiera . Già nel 1924 la stessa veniva descritta come “diruta“ dall‘Ispettore di Zona Bertini Calosso, in alcune note inviate alla Regia Sovrintendenza di Roma in occasione di un suo viaggio in Abruzzo, alle quali si aggiunsero diverse sollecitazioni del Sindaco di Mutignano

Sempre nella stessa relazione l’Ispettore descrive lo stato dell’arte : “La parte superiore della parete…. presenta sotto l’intonaco larghe tracce di affreschi del sec. XVI ed anche del sec. XV non privi di interesse: non è perciò fuor di luogo supporre che anche nella parete inferiore, ora interrata per la destinazione asanta-chiara sepoltura, possa esservi eguale decorazione….Una lapide sulla porta dice che la costruzione della chiesa rimonta al 1408; ma la data che è sull’altare attuale permette di fissare al 1749 il parziale riempimento avvenuto“. I diversi appelli lanciati dal Sindaco di Mutignano rimasero inascoltati e lo stato di degrado della Chiesa continuò a peggiorare sia per i danni causati dalla guerra che dai continui smottamenti del terreno. Ne l 1960 la Chiesa fu dichiarata inagibile mentre negli anni ’80 fu chiusa definitivamente; il parroco ne chiese addirittura la demolizione per motivi di sicurezza, in alternativa della vendita all’amministrazione comunale.

La chiusura definitiva della Chiesa ne peggiorò la stabilità strutturale con il crollo del tetto, del cappellone della Madonna (con conseguente perdita dell’affresco) e della sagrestia. I lavori di conservazione avviati dal Ministero delle Belle Arti nel 1998 si riferiscono al puntellamento della facciata e di alcuni muri perimetrali con la sostituzione della copertura originaria con una provvisoria in lamiera metallica che ne hanno impedito il definitivo deterioramento.Nonostante l’evidente stato di fatiscenza in cui versa ora la Chiesa, si intuisce ancora l’originale organismo a pianta centrale del tipo a croce greca, con uno spazio quadrangolare centrale dal quale si aprono, attraverso quattro arcate, altrettanti spazi di analoga ampiezza e di minore profondità successiva. Nel 2006 erano stati stanziati 250.000 euro dalla Sovrintendenza per l’inizio del restauro ma ad oggi non è stato avviato alcun lavoro; per il recupero totale della struttura serviranno, comunque, ben altre somme.

bpbi

  Visita la galleria fotografica di Mutignano

 

Print Friendly
Segnala Articolo



Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*


*


Autore:  Marco Maccaroni
Appassionato del mare, affascinato dalla montagna e innamorato dell'Abruzzo a cui mi legano le mie origini. L'asprezza del terreno, la gentile durezza dei suoi abitanti, fanno di questo territorio uno dei più peculiari della nostra bella Italia. Scrigno di arte e di secolare cultura, foriero di sapori , profumi e ricco di gustosissimi piatti preparati con sapienza e accompagnati da ottimi vini
Pubblica un evento Vale la pena rileggere Gallerie fotografiche
Segnala un evento o una manifestazione che si svolge nella regione Abruzzo, sulla pagina "Eventi e manifestazioni"



Segnala un evento

Terremoto all’Aquila, 6 april...

del 21 novembre 2014 letto 566 volte
La storia e le origini di Atri

del 25 novembre 2014 letto 2691 volte
Parco Nazionale d’Abruzzo ...

del 15 dicembre 2014 letto 640 volte
Gli arrosticini

del 18 dicembre 2014 letto 1887 volte
L’Abruzzo visto dall’alto

del 28 marzo 2017 letto 1128 volte
Abruzzo Vintage – Quarta parte

del 24 marzo 2017 letto 234 volte
Abruzzo in bianco e nero – 3

del 21 gennaio 2016 letto 288 volte
Abruzzo in bianco e nero – 2

del letto 260 volte
Tutte le Gallerie Fotografiche


Notice - Regole - Policy - Cookies - Newsletter - Contatto | Copyright © 2014 - 2019 | Abruzzo Vivo di Marco Maccaroni | Visite: |         [TOP]