1 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

Nove Martiri, il ricordo all’Aquila a 80 anni dall’eccidio

 

Si sono commemorati ieri 23 settembre 2023, a L’Aquila, i Nove Martiri che persero la vita questo stesso giorno di ottant’anni fa per mano dei tedeschi e che rappresentano, ancora oggi, una ferita per la città che, anche e soprattutto grazie al prezioso lavoro di mantenimento della memoria portato avanti dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, il capoluogo ricorda ogni anno come esempio di libertà, coraggio e opposizione alle ingiustizie.

La giornata si è aperta con la deposizione di una corona di fiori al Sacrario dedicato ai Nove Martiri e posto all’interno del Cimitero Monumentale della città. La toccante cerimonia è avvenuta alla presenza del Comune, dell’Anpi e della Guardia di Finanza. Insieme a loro, erano presenti anche la nipote di Anteo Alleva e quella di Fernando della Torre, due dei nove martiri, e da Palermo anche un parente di quest’ultimo.

Poi altri luoghi importanti per raccontare questa storia sono stati toccati dai presenti, dal piazzale dell’I.I.S. “Amedeo di Savoia-Duca d’Aosta” insieme agli studenti, per poi giungere all’inizio del sentiero dei Nove Martiri, poi la caserma Campomizzi e l’arrivo, poi, a Piazza Nove Martiri con, anche qui, la deposizione di una corona e un importante momento di memoria e condivisione con l’intonazione del canto “Bella Ciao”.

L’eccidio dei Nove Martiri è uno degli episodi storici identitari dell’Aquila antifascista, l’abbiamo ricordata tutti gli anni, la ricordiamo sempre, però quest’anno ha un valore particolare perché in tutta Italia si inizia la celebrazione degli 80 anni dalla Resistenza  questo il commento di Betty Leone, vicepresidente nazionale Anpi. Ricordare i Nove Martiri significa anche ricordare che c’è stata la Resistenza nel mezzogiorno, che invece è molto dimenticata storicamente, ma è stata la Resistenza iniziale: la Resistenza è nata dal mezzogiorno, ha avuto una connotazione particolare perché seguiva un po’ l’avanzata degli eserciti alleati, però è stata una Resistenza che ha fatto pagare un prezzo molto alto e L’Aquila città ha pagato un prezzo molto alto con i suoi morti e i bombardamenti. Quindi oggi ricordare i Nove Martiri è ricordare una storia, una storia di tutte le bande partigiane aquilane di cui non parliamo mai“.

Una corona di fiori è stata, poi, deposta una corona di fiori a Collebrincioni, presso la “Fonte Vecchia”.

#Di Martina Colabianchi – Il Capoluogo

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  1 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
A Scanno la prima tappa di J...
Castiglione a Casauria, cenn...
Giulianova docenti francesi ...
L’Aquila, torna ‘...
Crecchio il borgo con un tes...
La notte delle Lumère a San...
Le rovine rinvenute negli scavi del torrente Tavana sembrano accreditare la presenza di un nucleo abitato che risale all'epoca romana e definito Vicus Anninus

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento