10 letture     Tempo lettura: 3 Minuti

Roccacasale l’antico borgo delle fate

 

Roccacasale (AQ) è la vedetta della Valle Peligna. È un piccolo paese aggrappato alle pendici scoscese del Monte Morrone sulla cui sommità campeggia un bel castello recinto a pianta triangolare, il Castello de Sanctis. L’inesorabile scorrere del tempo ha certamente danneggiato il fortilizio, che però presenta un grande fascino specie quando è avvolto da sottili nebbie o quando, nell’oscurità notturna, un’accorta illuminazione ne esalta la presenza vestendolo del tricolore della bandiera italiana, mentre il paese si trasforma in un presepe scintillante di stelle. Le viuzze in salita, le case di pietra, le antiche cantine, la chiesa, la piazza, il castello, la montagna creano quell’atmosfera suggestiva che accomuna Roccacasale a molti borghi dell’Abruzzo interno. Ma qui in più è percepibile un certo spirito di magia, che nasce dalla tradizione dell’uso delle erbe spontanee e dai tanti racconti di fate, fattucchiere, bambini rapiti, incantesimi e tesori nascosti. Nelle vicinanze del Castello c’è il Colle delle Fate, dove si trovano un insediamento fortificato italico d’altura e antiche cisterne. Si dice che qui l’ultima fattucchiera di Roccacasale trascorresse molto tempo…

I misteri

Bella, assolata e gaia la mia Rocca sotto l’usbergo del Castello antico canta alle valli assorte, al verde aprico, dolce armonia che nel cuor rintocca“. Così scriveva l´artista e poeta Cesare Torelli del suo borgo natio, Roccacasale, che tra tutti si erge maestoso e strategico in uno degli altipiani che caratterizzano la provincia dell’Aquila: la Conca Peligna. L’esemplare castello che spicca sull’abitato e sulla valle costituisce uno dei manufatti più singolari nell’ambito dell’architettura fortificata abruzzese e ancora oggi resta il simbolo di questo paese, segnandone il profilo che cattura lo sguardo anche da considerevole distanza.

Edificato su un sito impervio alle pendici del Monte Morrone a controllo del borgo sottostante, l’impianto apparteneva allo strategico scacchiere difensivo Peligno. I vari signori del castello lottarono per ottocento anni contro qualsiasi invasore fino alla distruzione finale, ad opera dei francesi nel 1799.

 

 

Anche tesori nascosti non mancano in questa località. Si tramanda, infatti, che nella località “Dietro le mura” esistono due pozzi che secondo la tradizione orale servivano agli abitanti di Corfinio (borgo a due passi da Roccacasale) durante la guerra sociale per raffreddare le monete coniate per l’occasione. Il fatto, che presenta anche risvolti storici veritieri, è stato rielaborato nel tempo dal popolo fino a convincersi che da quei pozzi uscissero fate e folletti.

Un tempo, si racconta, questi esseri apparvero ad una donna che si era recata sul pianoro per la raccolta della legna. Le fate la invitarono ad entrare in una di quelle buche dove si trovava il loro palazzo affinché facesse una buona provvista di monete. Mentre la donna si accingeva a varcare il portone del palazzo, improvvisamente la gonna le si attorcigliò alle gambe impedendole di camminare. Così le fate sparirono nel nulla. Ancora oggi qualcuno pensa che sull´omonimo Colle delle Fate si trovi un tesoro da recuperare.

 

 

Sullo stesso promontorio si trova un interessante sito archeologico risalente a periodi antecedenti al dominio romano con mura ciclopiche, antiche costruzioni e selvagge terre contornate da infiniti panorami che spaziano dalla Maiella al monte Genzana, dal Porrara al Sirente e su tutti i borghi della vallata. In questo luogo di tranquilla quotidianità fanno eco ancora oggi le storie di passati gloriosi, caratterizzati da antichi signori guerrieri, o funesti come le tragedie imposte da terremoti e guerre. Su tutto, però, da secoli la Rocca veglia e custodisce nell´assoluta certezza che nulla sarà dimenticato e che l´antico splendore di questo borgo tornerà presto a rinnovarsi.

@Articolo tratto da MajAmbiente – Regione Abruzzo

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo




Potrebbe interessarti
Torricella Sicura
Bussi sul Tirino
Alba Fucens un sito archeolo...
Pietraferrazzana il comune p...
Arsita e il castello Bacucco
Pietracamela ai piedi del pi...
Confartigianato Abruzzo

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 980 articoli
Classe 1956, innamorato di questa terra dura ma leale delle sue innevate montagne del suo verde mare sabbioso dei suoi sapori forti ma autentici, autore, nel 2014, del sito web Abruzzo Vivo

Lascia il primo commento

Lascia un commento