Utente: Guest      Login  Register  Login

Abruzzo dal 700 ai giorni nostri

Social

 

Quanto mai correlate con le vicende sociali, politiche ed economiche di questo periodo che giunge sino a noi, si mostrano le vicende ecclesiastico-religiose di Abruzzo e Molise. Nel susseguirsi di avvenimenti lieti e tristi, la presenza e l’opera di nuovi santi, come quella di personaggi che si distinguono tanto nell’evangelizzazione e nell’apporto alla vita dei cristiani e della Chiesa, quanto nella fedeltà a questa anche a fronte delle prepotenze e delle persecuzioni, si unisce alle diverse vicende della vita religiosa, inevitabilmente condizionata dai fattori sociali, politici ed economici, mentre ulteriori definizioni di assetti e confini diocesani segnano i nuovi ambiti dell’azione ecclesiale. In maniera sempre più ravvicinata appare la perenne verità dell’Ecclesia in hoc mundo posita. Ai primi del Settecento l’Abruzzo è funestato da tremendi terremoti, uno dei quali distrusse L’Aquila (1703), ove, con la morte in esilio del vescovo De La Cerda, fiero oppositore delle prepotenze spagnole (che hanno visto processato in foro civile tale Caruso da Fossa, membro del clero locale), e con il sequestro dei beni vescovili, era appena cominciato un periodo quasi ventennale di vacanza della sede episcopale. È un triste preludio alla terribile prova che per tutto l’Abruzzo e il Molise arriverà a fine secolo con l’invasione dei francesi giacobini. Nondimeno, il XVIII sec. pure conosce in Abruzzo e Molise un vivace moto culturale: accademie fioriscono all’Aquila e a Chieti; l’arcivescovo di Lanciano Antonio Ludovico Antinori – a ragione definito «il Muratori d’Abruzzo» – recò un impareggiabile contributo alla storia della regione; il chietino abate Ferdinando Galiani passò dalla sferzante satira ai notissimi (e allora fondamentali) studi di economia.

  Condividi
Social


Commenta questo articolo su Facebook



Lascia il tuo commento
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments


Autore: Marco Maccaroni

Terra di impareggiabile bellezza, ricca di tradizioni, storia e arte. Territori selvaggi che digradano in colline fino a raggiungere il mare. Vicoli, viuzze medievali che trasportano in un mondo passato suscitando emozioni uniche. Le spettacolari isole Tremiti incastonate in un mare dalle mille tonalità di blu. Un viaggio in Abruzzo per scoprire la storia, l’arte e la natura di una regione ricca di tesori nascosti

Visualizza tutti gli articoli di Marco Maccaroni
Sostieni Abruzzo Vivo

Il sito web interamente dedicato all'Abruzzo


Potrebbe interessarti
Dalla stessa categoria

Hotel Corf Pineto