Utente: Guest   Login  Register  Accedi con Facebook  User

Gennaro Della Monica pittore, scultore e architetto Teramano

Social

Gennaro Della Monica rappresenta la punta di diamante di una serie di espressioni artistiche abruzzesi che da tempo si è cominciato a valorizzare, sottraendole al cono d’ombra che le ha caratterizzate per un lunghissimo arco di tempo. Pittore, soprattutto, ma anche scultore di pregio e architetto, nacque a Teramo, quarto di dieci figli, il 10 ottobre 1836 da famiglia napoletana. Il padre Pasquale era stato anch’egli pittore ed aveva iniziato la sua brillante attività di figurista classicheggiante tra la stima di colleghi e maestri nell’Accademia di Belle Arti di Napoli quando, nel 1821, per sospetto di appartenenza alla Carboneria, fu espulso e dovette riparare a Teramo con la moglie dove ottenne l’insegnamento di Disegno nel locale Real Collegio

La spiccata disposizione naturale per l’arte del piccolo Gennaro indusse il padre a desistere dall’idea di avviarlo agli studi letterari e fu proprio lui ad istradare il giovane all’arte impartendogli i primi elementi di disegno e dell’uso dei colori. Il padre fu per Gennaro il miglior maestro che potesse avere, lo sottopose per anni ad una severa disciplina di studio, fino a quando nel 1853, a 17 anni, gli consentì di trasferirsi a Napoli per frequentare l’Accademia di Belle Arti. Nella capitale il giovane Della Monica si distinse a tal punto da venire ammesso ad esporre nella Mostra Borbonica del 1855 dove ricevette la medaglia d’argento, il primo di una lunga serie di riconoscimenti che ottenne nella sua vita artistica. Fu determinante per lui l’incontro con l’artista Domenico Morelli, del quale iniziò a frequentare lo studio al di fuori degli impegni scolastici. Rimase colpito dalla sua personalità e profondamente influenzato dalla forza decisamente innovativa del suo romanticismo storico. Nello studio del Morelli venne in contatto con molti altri artisti come Federico Rossano, Marco De Gregorio, Michele Cammarano, Gabriele Smargiassi e soprattutto frequentò Filippo Palizzi, altro napoletano d’Abruzzo. Del vastese seguì gli insegnamenti, facendo tesoro del suo magistero e mettendo in pratica con determinazione i suoi principi incentrati sull’importanza nodale del “vero”, soprattutto nel corso delle ricerche condotte nella campagna napoletana in compagnia degli artisti citati. Nel 1861, in conseguenza di una rottura con Morelli, Della Monica si trasferì in Lombardia al seguito del suo ricco mecenate, il conte ungherese Sandor Teleki, colonnello garibaldino. Grazie al conte conobbe a Milano illustri maestri d’arte, da Eleuterio Pagliano a Girolamo e Domenico Induno, e divenne amico e ammiratore di Tranquillo Cremona e di Federico Faruffini. Grazie ancora al suo potente benefattore, nel ’63 si trasferì a Firenze dove condivise lo studio con Francesco Saverio Altamura, artista pugliese che, dopo una visita alla Esposizione Universale di Parigi, nel 1855, aveva riportato a Firenze le nuove tendenze parigine che contribuirono alla nascita della corrente pittorica dei Macchiaioli. Nel capoluogo toscano oltre alle nuove tendenze pittoriche, frequentò vari circoli letterari tra cui il famosissimo e raffinato “Caffè Michelangiolo”. Nel salotto della conterranea Giannini Milli, poetessa improvvisatrice e animatrice di celebri circoli culturali, incontrò Edmondo De Amicis e Francesco Dall’Ongaro, insieme ad altri personaggi d’eccezione come Michail Bakunin, il filosofo anarchico russo col quale entrò in notevole confidenza. Il suo soggiorno a Firenze dal 1863 al 1867, ebbe certamente influenza sulla sua formazione stilistica, qui infatti, era particolarmente praticata la pittura di soggetto storico; questo genere di pittura, e quella di tema sacro cui si dedicava sin dagli anni giovanili, dettero a Della Monica grande prestigio ed un inatteso successo che lo portarono ad avere contatti con i maggiori e più affermati pittori fiorentini. Appartengono a questo prolifico periodo diverse tele di soggetto storico delle quali particolarmente apprezzate si rivelarono “Ferruccio che conduce i suoi a Gavignana” acquistato nel 1863 dal Comune di Napoli, e “Salvator Rosa fra i briganti”, acquistato nel 1864 da S.M. il Re Vittorio Emanuele II. Entrambe le opere si attestano come le sue più note opere giovanili.

 

Nel 1864 alla Grande Esposizione di Torino partecipò con “Il cacciatore e la quaglia” e l’anno seguente, nel 1865, alla mostra allestita per il sesto centenario della nascita di Dante, presentò “Stato maggiore ungherese con Garibaldi a Santa Maria di Capua”, molto elogiato dalla stampa. Molti dei suoi dipinti che presentava alle mostre, venivano acquistati da enti come il suo “Mosè salvato dalle acque” che fu acquistato dal Banco di Napoli e attualmente conservato nella sede della Banca dell’Adriatico a Teramo. Fu questo per Gennaro Della Monica il momento di maggiore considerazione in cui era tenuto da parte dei contemporanei, le sue opere venivano esposte con vivo apprezzamento in Toscana e a Napoli. Il suo proficuo soggiorno fiorentino fu improvvisamente interrotto nel 1867 quando decise di tornare a Teramo per essere vicino al padre malato. Quello che doveva essere nelle intenzioni dell’artista un periodo di permanenza limitato, divenne invece un ritorno definitivo nella sua città natale. A Teramo, dalla quale non si sarebbe più allontanato, ricevette la cattedra di Disegno nel Reale Istituto Tecnico che era già stata del padre senza però trascurare la sua attività pittorica alla quale, invece, si dedicò con rafforzato vigore e dedizione crescenti fino alla fine dei suoi giorni. Tra gli allievi di Della Monica grande considerazione ebbero la pittrice Carlotta De Colli, l’archeologo Vincenzo Rosati e il letterato Fedele Romani. L’inaugurazione del nuovo Teatro Comunale di Teramo, nell’aprile del 1868, offrì al giovane pittore l’occasione di cimentarsi in un genere, la caricatura, nel quale rivelò eccezionale talento, prendendo in giro protagonisti e spettatori sia del palcoscenico teatrale che del palcoscenico cittadino. Circa venti le tavole della serie “Teatro di Teramo”, tutte di grande effetto nonostante la non eccelsa qualità perché stampate con mezzi di fortuna. La sua intensa attività artistica intrapresa dal suo ritorno in Patria spaziò dal genere sacro a quello storico a impressioni dal vero, opere nelle quali è sempre evidente l’amore per la provincia teramana. Tra i lavori a tema sacro, degne di nota la considerevole “Discesa dalla croce”, “Sant’Andrea” e “San Gaetano” per la chiesa dell’Addolorata a Mosciano Sant’Angelo, per la quale precedentemente aveva realizzato una “Predica di san Vincenzo” e un “Sant’Antonio ed Ezelino da Romano”. Altre rilevanti pale d’altare furono da lui prodotte per varie chiese di Teramo: “l’Apparizione di Cristo”, per quella di sant’Agostino; la “Madonna di Pompei” per quella di san Matteo; il “Martirio di santa Lucia” per la Madonna delle Grazie e una “Madonna del Rosario” per la Cappella della Madonna della cona. Per le opere a tema storico, particolarmente degne di rilievo si attestano la “Morte di Muzio Attendolo Sforza”, conservato a Chieti nel Museo “Barbella” ma soprattutto “Bruto che condanna i figli”, realizzato per il palazzo del Tribunale di Teramo, che risente di quella tendenza del romanticismo storico napoletano amato in gioventù.

 

Nel 1878 gli venne riconosciuto il titolo di professore onorario nell’Accademia di Belle Arti di Napoli e l’incarico di far parte della Commissione Provinciale per i Monumenti, testimonianze dell’apprezzamento riservato non solo ai suoi meriti artistici, ma anche a quelli culturali e letterari che nel tempo venne affinando e di cui si coglie più di un significativo riflesso negli scritti da lui pubblicati come “Ricordi artistici ed impressioni” (Teramo, Rivista abruzzese di scienze, lettere ed arti, 1903) e nella sua attività di pubblicista per il “Corriere abruzzese”, diretto da Francesco Taffiorelli, sul quale negli anni 1892 e 1900 apparvero gli articoli relativi al restauro della chiesa della Madonna delle Grazie a Teramo. Con l’approssimarsi alla maturità, si accentuò in lui quella propensione a dipingere al cospetto del vero, al punto da avvertire l’esigenza di vivere a contatto con la natura. Pertanto le pagine pittoricamente più fini ed eloquenti della sua produzione risultano essere quelle in cui maggiore era l’interpretazione paesaggistica, relative al territorio compreso fra la ondulata fascia collinare adriatica e l’entroterra teramano fino ai rilievi montuosi del Gran Sasso e della Laga. Alla fine degli anni Ottanta dell’800, progettò e fece costruire, in ossequio alla moda del tempo che imponeva ai signori di avere un qualcosa di medievale in casa, un vero e proprio castello nel quale vivere con la famiglia, sul modello del complesso del Valentino a Torino. Terminato nel 1917, la costruzione, oggi proprietà del Comune di Teramo, ancora domina la città dall’alto del colle San Venanzio. Per rendere il tutto ancora più autentico, l’artista fece costruire attorno all’edifico anche il borgo. All’interno un susseguirsi di stanze e passaggi segreti arricchiti da trompe-l’oeil del maestro e da sculture originali. Affiliato alla loggia massonica “Melchiorre Delfico”, fu molto attivo e presente nella vita civile della città. Fece parte di comitati elettorali prima in favore di Settimio Costantini, deputato teramano della sinistra storica, e poi in favore di Felice Bernabei, direttore generale delle Belle Arti che subentrò a Costantini. Tra il 1899 e il 1900 Della Monica fece parte del comitato “Artisti teramani per Barnabei” insieme agli scultori Pasquale Morganti e Luigi Cavacchioli, al pittore Salvatore Di Giuseppe, al fotografo Gianfrancesco Nardi e al critico Guglielmo Aurini.

 

 

Tra le tante cose realizzate dall’artista teramano, anche il disegno delle divise della locale banda musicale. Gennaro Della Monica morì nella sua città il 17 maggio 1917. Solo recentemente la figura dell’artista abruzzese è stata riscoperta e valorizzata dai critici d’arte attraverso varie iniziative volte a far conoscere al grande pubblico la sua opera inserita nella pittura ottocentesca del paesaggio di cui Della Monica è stato eccellente interprete. La principale iniziativa in tal senso è stata la mostra itinerante “Italia Intatta”, un lungo viaggio attraverso il paesaggio italiano, dai campi agricoli con i contadini e i lavoranti, ai casolari e le colline, olii sui toni del giallo, in cui la costruzione dello spazio è affidata ai contrasti cromatici di macchie di colore contrastanti. La mostra, curata da Philippe Daverio, Paola Di Felice, Cosimo Savastano e Claudio Strinati, promossa dal Comune di Milano, Comune di Teramo, Comune di Napoli, Regione Abruzzo e dall’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso-Laga, si è tenuta al Palazzo Reale di Milano, dal 22 luglio al 31 agosto 2014, dove le opere dell’artista teramano hanno rievocato il fascino di tantissimi luoghi naturali, l’immagine di una nazione prima della rivoluzione industriale, dell’abbandono della terra e che ha rischiato di perdere, con la memoria, l’incanto seduttivo di una antica bellezza. La mostra ha rappresentato un momento di profonda nostalgia per un’Italia bellissima che non esiste più, per incuria, ignoranza e speculazione, ma anche nostalgia per la capacità pittorica che sapeva esprimere. Il percorso della mostra si è sviluppato in sei sezioni, la prima con l’impressione e la macchia, la seconda en plein air, con molti quadri del suo periodo napoletano. Le sezioni successive hanno rappresentato un vero e proprio viaggio attraverso il paesaggio italiano. Del periodo toscano dell’artista erano presenti diversi elementi di derivazione macchiaiola, mentre al periodo lombardo erano riferite le prime austere vedute montane, dai cieli intensi e tempestosi, eseguite all’alba e al tramonto, con una tavolozza intrisa di gialli e di viola, successivamente ripresa, ampliata, rimeditata e confrontata con lo scenario aspro dell’Appennino abruzzese. L’amore per la sua terra è emerso nell’armonia del paesaggio popolato di pastorelli e contadini e in altre scene ispirate al folklore locale, in cui venivano minuziosamente descritte le fiere del bestiame sullo sfondo delle valli e dei monti abruzzesi. La stessa mostra è stata in seguito allestita a Napoli, nelle sale del Castel dell’Ovo, dal 7 novembre 2014 al 10 gennaio 2015 dove è emerso il legame che il pittore ebbe con l’Accademia Artistica Napoletana e con la Scuola di Resìna di Marco De Gregorio a cui aderì e di cui sposò la causa della ricerca del vero poetico che affidava all’arte lo studio dal vero, l’immediatezza dell’impressione e l’uso di colori puri affine a quello dei macchiaioli.

 

Carlo Maria d’Este
(Centro reg.le Beni Culturali)

 

BIBLIOGRAFIA E FONTI:
Giacinto Pannella (a cura di), Guida illustrata di Teramo, Bezzi e Appignani, 1888,
ristampa anastatica, a cura di Alessandra Gasparroni, Teramo, Ricerche e Redazioni, 2007;
Alberto Scarselli, Gennaro Della Monica. Pittore Abruzzese dell’Ottocento, Roma, Edizioni
Conchiglia, 1954;

Cosimo Savastano, Gennaro Della Monica. 1836-1917, Sant’Atto di Teramo, Edigrafital,
2004;
Cosimo Savastano, Della Monica Gennaro, in Gente d’Abruzzo. Dizionario biografico,
Castelli, Andromeda, 2006, vol. 4
Sandro Melarangelo, Due pittori teramani: Gennaro Della Monica e Glauco Barlecchini, in
“Teramo Nostra”, a. I, n.1, ottobre-dicembre 2007, p. 4
Philippe Daverio, Paola di Felice (a cura di), Gennaro Della Monica. L’Italia intatta.
Teramo (1836 -1917), Torino, Allemandi & C., 2014

 

Commenta su Facebook

Lascia il tuo commento! E' prezioso per noi
  Condividi

Social



Autore: Marco Maccaroni



Terra di impareggiabile bellezza, ricca di tradizioni, storia e arte. Territori selvaggi che digradano in colline fino a raggiungere il mare. Vicoli, viuzze medievali che trasportano in un mondo passato suscitando emozioni uniche. Le spettacolari isole Tremiti incastonate in un mare dalle mille tonalità di blu. Un viaggio in Abruzzo per scoprire la storia, l’arte e la natura di una regione ricca di tesori nascosti

Visualizza tutti gli articoli di Marco Maccaroni
Sostieni Abruzzo Vivo

Il sito web interamente dedicato all'Abruzzo


Potrebbe interessarti
Dalla stessa categoria

INAF - Osservatorio Astronomic




Tutte le immagini contenute in questo sito sono o parte di pubblico dominio o di appartenenza dei rispettivi proprietari. Questo sito non rivendica la proprietà di qualsiasi immagine qui contenuta se non quelle dove espressamente ne è citata la fonte. In caso di problemi, errori o omissioni sul materiale protetto da copyright, la rottura del diritto d’autore non è intenzionale e non è commerciale. Se sei l’artista responsabile di una immagine o il proprietario del copyright di opera presente su questo sito, ti preghiamo di contattare il webmaster per l’immediata rimozione. Questo sito è TOTALMENTE ED INTERAMENTE NO PROFIT. E' possibile collegare o includere le immagini ospitate su questo servizio in siti personali, nei forum, nei blog e nelle diverse applicazioni. Possono essere linkati anche i banner pubblicitari presenti su questo spazio web ricordando che anche tale servizio è totalmente gratuito