3 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

Morta a 53 anni Anita Leombruni, presidente dell’associazione Dalla parte dell’orso

 

La Valle Peligna piange la scomparsa di Anita Leombruni, figura di spicco e paladina dell’orso bruno marsicano, deceduta all’età di 53 anni dopo una battaglia contro la malattia. La sua vita è stata dedicata alla tutela degli animali e all’ambiente, affermandosi come presidente dell’associazione “Dalla parte dell’orso,” impegnata nella conservazione del prezioso orso bruno marsicano, simbolo della regione

I funerali di Anita sono previsti alle 15 nella chiesa Madonna degli Angeli nella frazione Badia, dove amici, familiari e colleghi si riuniranno per tributare l’ultimo saluto. La sua eredità di impegno a favore dell’ambiente e della fauna selvatica è considerata un patrimonio inestimabile che deve essere preservato.

Residente a Case Lupi, Sulmona, Anita ha iniziato il suo percorso come attivista entrando nel direttivo dell’associazione “Dalla parte dell’orso,” diventandone successivamente vicepresidente e infine presidente. La sua passione per la tutela dell’ambiente, la fauna selvatica e gli animali in generale ha lasciato un segno indelebile nella comunità.

Oltre al suo impegno per l’orso marsicano, Anita si è dedicata con amore alla causa dei cavalli, prestando attenzione ai loro zoccoli e salvando uno di essi dal macello, Marang, al quale si è presa cura fino alla sua morte l’anno scorso. La sua abilità come istruttrice di yoga ha anche contribuito al benessere della comunità, organizzando corsi che hanno suscitato notevole partecipazione.

La notizia della sua morte ha scosso profondamente la Valle Peligna, e molti hanno espresso il loro cordoglio, ricordando Anita come una persona solare, aperta al rapporto con gli altri, e intraprendente nella difesa dell’ambiente. Anche esponenti politici, come il consigliere regionale Giorgio Fedele e il consigliere comunale Angelo D’Aloisio, hanno espresso il loro dolore e riconoscimento per l’eredità di Anita Leombruni.

La sua assenza lascia un vuoto significativo nella lotta per la conservazione dell’orso marsicano e nella difesa dell’ambiente, ma il suo esempio e la sua dedizione continueranno a ispirare chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerla.

Facebook

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  3 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
Pineto, 29° Meeting naziona...
Munda, mostra “Le mura...
Riapre la mostra museo del m...
Illeciti ambientali in un’...
Abruzzo, assegno di natalit...
L’Abruzzo dal cielo
Agenzia Net

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 974 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento