0 letture     Tempo lettura: 3 Minuti

Pineto, un anno di ‘apididattica per l’inclusione’ nell’aera Torre di Cerrano

 

“Proprio nell’autunno di un anno fa iniziava un bellissimo percorso, con decine di incontri teorici che si sono succeduti nel corso dell’inverno e della primavera sull’incantevole mondo delle api. Incontri che hanno scaturito molta partecipazione e curiosità nei ragazzi che nei mesi hanno maturato una conoscenza delle api e del loro mondo, che poi hanno potuto toccare con mano nell’apiario didattico attraverso attività pratiche”.

Queste le parole dell’apicoltore professionista Gianluigi Di Bonaventura al termine del primo anno del progetto “A.P.I.- Apididattica per l’Inclusione” che si è concluso all’inizio del mese di ottobre, con la visita didattica all’apiario, creato nell’ambito del progetto stesso, e la raccolta e la smielatura del miele nello splendido scenario dell’Area Marina Protetta della Torre del Cerrano di Pineto (Teramo).

L’iniziativa, che ha visto la creazione dell’ apiario didattico ‘Torre del Cerrano’ e lo sviluppo e l’implementazione delle attività didattiche sul mondo delle api e i prodotti apistici, è nata dall’idea dell’Associazione Dimensione Volontario, con il presidente Giuseppe Palermo con le ragazze e i ragazzi dell’associazione, in collaborazione con Di Bonaventura proprietario dell’apicoltura “Il Vecchio Colle”, che ha seguito tutte le fasi delle attività progettuali, e finanziato con i fondi del bando “Fondi otto per mille della chiesa Valdese” 2023.

“Il progetto è stato così entusiasmante, per noi che l’abbiamo pensato e portato avanti – sottolinea il presidente dell’associazione Palermo -, che col tempo ha incuriosito molti che hanno deciso di darci una mano, come appunto l’Area Marina, dove è ubicato il primo apiario didattico della Provincia di Teramo”.

“Apiario che, nel corso dell’estate, ha riscosso un enorme successo dati i numerosissimi visitatori, che con visite guidate o in autonomia hanno potuto toccare con mano la qualità e l’importanza sociale di quanto realizzato”.

“Se il buongiorno si vede dal mattino– aggiungono Palermo e Di Bonaventura-, questo primo anno di progetto è stato sicuramente pieno di bei momenti e di ottimi risultati, che non possono che mettere le basi per tutto quello che ancora si può e si deve fare”.

“Chiudiamo ringraziando tutti, ma in particolare le operatrici e gli operatori di Dimensione Volontario, ma soprattutto i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato al progetto, i finanziatori, i Comuni di Silvi e Pineto e l’Area Marina Protetta che ospita la struttura. Senza di loro tutto ciò non sarebbe mai avvenuto”, concludono.

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  0 letture     Tempo lettura: 3 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
La salute di animali selvati...
L’orso bruno Marsicano
Il castagno della valle Cast...
Riserva naturale Ripari di G...
L’Huffington Post nel ...
Giardino Botanico “Mic...
Hotel Corf Pineto

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento