0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

Premio Paganini. Gibboni, suonando Bach ho pensato all’Aquila

Il suono del violino di Giuseppe Gibboni ha scandito il tempo a suon di virtuosismi come un fulmine

Un gruppo di persone, per lo più giovani studenti del conservatorio di musica Alfredo Casella di L’Aquila, si sono ritrovati per applaudire il premio Niccolò Paganini 2022 nell’Auditorium del Parco, disegnato da Renzo Piano a L’Aquila. La voce strumentale, solista, di Giuseppe Gibboni è stata supportata dal coro dei legni dei Solisti Aquilani, che con la loro arte hanno costruito un legame vero e densò senza mai sovrastare il suono chiaro e lucido di Gibboni; hanno protetto i suoi flash, come una fitta nebbia che non copre la sua luce ma la rende ancor più forte e misteriosa. “È il mio debutto in Abruzzo da vincitore del Premio Paganini, un bellissimo concerto, supportato da una splendida orchestra – così risponde Giuseppe Gibboni alla domanda se fosse già stato in Abruzzo -, ho trovato davvero tanto affetto dal pubblico Aquilano e grande professionalità“, il gruppo curioso lo ha chiamato sul palco per tre volte, chiedendo il tris, prima di concedergli il respiro.

 

Non è mancata una visita al centro storico di L’Aquila: “Cosa ho pensato nel vedere tutte queste case ricostruite e alcune ancora distrutte? Alla tanta sofferenza che ha passato questa città; anch’io ho vissuto il terremoto, non direttamente, ma l’ho sentito quando lo fece ad Amatrice, ero in un paese lì vicino, è stato molto brutto“. Quale brano utilizzerebbe per esprimere questi sentimenti che sente parlando dell’Aquila? “Guardi, nell’ultimo brano che ho fatto, l’adagio di Bach, – racconta Gibboni con voce tremolante ed occhi lucidi – ho davvero pensato all’Aquila mentre lo eseguivo; mi sono commosso, ho sentito il dramma di questo popolo, la loro speranza, il loro desiderio di continuare a vivere”

Chi è Giuseppe Gibboni

Classe 2001, inizia lo studio del violino con il papà Daniele, si diploma con 10 Lode e Menzione d’Onore sotto la guida di Maurizio Aiello. Ha studiato con Salvatore Accardo, Pavel Berman e Pierre Amoyal.Ha vinto il 56° Premio Paganini di Genova e tre premi speciali, riportando il premio in Italia dopo 24 anni. Ha debuttato con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Si è esibito con la chitarrista Carlotta Dalia su invito del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella presso il Palazzo del Quirinale

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
Pescara Motor Show 2015
Smart City al Comune di Tera...
Nasce il Parco Nazionale d&#...
Domenica 5 e lunedi 6 gennai...
C’è un Abruzzo d̵...
INVIA UNA CARTOLINA NO OMBRI...
Cerrano Service

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento