1 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

Sicurezza petrolifera, solo bla bla bla

petrolio-1

ESPLOSIONE AL CENTRO OLI DI VIGGIANO. E SE FOSSE STATO REALIZZATO AD ORTONA? INCENDI SULLE PIATTAFORME. IL TUTTO CONDITO DA INCHIESTE DELLE PROCURE. NEI GIORNI DELLA COP21 DI PARIGI SI CONFERMA INEQUIVOCABILMENTE LA TOTALE INSOSTENIBILITA’ DEL MONDO DEL PETROLIO.

 

viggiano
Il mantra dei petrolieri di tutto il mondo è “massima sicurezza”. Poi però al Centro Oli di Viggiano della nostra ENI si susseguono fiammate ed esplosioni, tanto che i sindaci del posto, così come i cittadini, sono letteralmente disperati. C’è paura anche tra i lavoratori e le immagini delle prime pagine dei giornali lucani sono inequivocabili. A prima vista non si riesce a distinguere se si tratta della Siria bombardata o della Basilicata.
Ricordiamo che una nave raffineria della Shell simile a quella del progetto Ombrina nel 2011 rilasciò in mare 40.000 barili di petrolio causando una macchia di 100 km!
E’ semplicemente una follia proporre di trasformare in una distesa di pozzi, gasdotti ed oleodotti un paese fragile come l’Italia, a forte rischio sismico e idrogeologico, densamente abitato e ricchissimo di beni culturali.
Ancora più grave pensarlo nell’epoca del riscaldamento globale che, secondo l’associazione che raggruppa tutti i meteorologi del mondo, rischia di far diventare il nostro bel pianeta “inospitale per le future generazioni” (testuale, consigliamo caldamente di leggere il comunicato integrale originale eggere integralmente il comunicato originale https://www.wmo.int/media/content/greenhouse-gas-concentrations-hit-yet-another-record).
Il Governo Renzi vuole imporre questi rischi all’Abruzzo e alla sua economia. Ormai la lotta contro la deriva petrolifera è, semplicemente, un fatto di buon senso oltre che un obbligo morale.
viggiano-oli
Le nostre lotte stanno già evitando catastrofi alla nostra regione. Non vogliamo un’altra Bussi sul nostro territorio. Gli incidenti e le inchieste di questi giorni ci spronano ad andare avanti con maggiore convinzione. Il resto è solo “Bla bla bla” di chi vuole arricchirsi sulle spalle degli abruzzesi e per interessi di parte si ostina a non voler ammettere la realtà.
SI ALLEGANO ALCUNI SIGNIFICATIVI ESTRATTI DI ARTICOLI DI QUESTI GIORNI
Coordinamento No Ombrina
HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  1 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
Giulianova, il Direttore Mar...
Gli Alpini abruzzesi in Liba...
NUOVI ORARI DEI MUSEI DEL PO...
Auguri per una difficile San...
Soccorsi dalla Guardia Costi...
Trivelle in Adriatico, via l...
Abruzzo Vivo - AD Banner Gratuito!

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento