0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

L’Huffington Post nel 2019 collocava l’abruzzo al quinto posto

Immagine tratta da Il Centro

L’Abruzzo è tra i posti dove si vive meglio al mondo. Una ricerca dell’Huffington Post del 2019 collocava l’abruzzo al quinto posto per la qualità della vita e dell’aria

Il bel Paese possiede luoghi che tutto il mondo invidia. Tra i dodici migliori posti al mondo in cui vivere o ritirarsi in pensione l’Abruzzo è tra i primi posti.  L’Abruzzo è un angolo di paradiso, una seduzione mondiale che conquista gli animi con i suoi paesaggi verdeggianti, i laghi da sogno e le distese di spiagge e le maestose montagne. Il respiro verde e mite della Regione è senza dubbio rafforzato dalla presenza di tre parchi naturali nazionali e uno regionale: il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, il Parco nazionale della Majella e il Parco regionale Sirente Velino, gioiello verde nel mezzo del traffico urbano. Grazie alla “possibilità di sciare e di fare il bagno a seconda della stagione, unite all’integrità di gran parte del territorio regionale abruzzese”.

Nella valutazione molto gioca lo stile di vita degli abruzzesi fedeli alle loro tradizioni e alle costumanze del passato. In Abruzzo, secondo l’Huffington Post, anche i giovani conservano abitudini legate alla tradizione. Anche dal punto di vista della sicurezza, questa regione del centro Italia fa registrare un primato indissolubile: il crimine ha un’incidenza inferiore di gran lunga alle altre regioni L’articolo esalta naturalmente anche l’importanza del cibo, che risulta essere rigorosamente cucinato all’antica, senza contaminazioni moderne o troppo contemporanee.

E sono ben 150 i Comuni della Regione con un tasso di longevità paragonabile o superiore a quello del Comune sardo di Villagrande (che conta un alto numero di centenari). I Comuni più longevi sono localizzati principalmente nelle aree interne, in quattro aree contigue ai Parchi del Gran Sasso e della Majella e alla Marsica.

Stando agli studi dei ricercatori dell’Università di Teramo, sui “Centenari”, le abitudini alimentari e le caratteristiche metaboliche della popolazione abruzzese tra i novanta e i cento anni sono uno dei segreti di lunga vita. Lo “sdijuno”, il pranzo abbondante delle undici del mattino, tipico della tradizione rurale abruzzese è un autentico toccasana.

Eccezion fatta per l’economia, con un livello occupazionale che scarseggia, l’ Abruzzo può considerarsi un’oasi felice.

di Clio Nirogrado

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
Pineto, un anno di ‘ap...
Visita al Parco Nazionale de...
La Valle di Vusci
Il chiodo fisso. 280 vie di ...
Foresta Modello Valle Aterno...
Il culto delle acque in Abru...
Hotel Carducci

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento