0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

A Stiffe 50 guide da tutta Italia al corso Agti per accompagnatori in grotta

L’evento, che si è sviluppato in due momenti uno di formazione teorica ed uno in grotta, è stato organizzato dall’associazione Grotte turistiche italiane, la Società Speleologica Italiana ETS, in collaborazione con l’amministrazione comunale di San Demetrio Ne’ Vestini e l’Azienda speciale territorio e cultura, partecipata al 100% dall’ente, nata per la gestione delle famose Grotte aquilane

“Una 3 giorni che ha rappresentato per il territorio anche un’importante cartolina turistica”, il commento del sindaco di San Demetrio, Antonio Di Bartolomeo. “Un ringraziamento al nostro personale, ai relatori e alle guide che hanno contribuito alla buona riuscita di questa tre giorni di confronto e crescita. Le Grotte di Stiffe hanno vissuto un momento centrale per lo sviluppo e per la formazione del personale delle grotte di tutta Italia. Anche questo è sviluppo economico, anche questo è programmazione, anche questo è crescita economica e culturale per il nostro bel paese”.

Il corso era destinato a tutte le guide delle grotte turistiche italiane; a San Demetrio sono arrivati esperti del settore da diverse regioni d’Italia. Dopo gli incontri teorici che si sono tenuti nella sala Aurora, messa a disposizione dal Comune, in cui si è parlato di geologia e di biospelelologia, sono state organizzate delle visite guidate alle Grotte di Stiffe, con le guide divise in gruppi, per analizzare alcuni aspetti tipici del luogo, portando avanti un lavoro di analisi e di studio. Tra i relatori anche Massimo Goldoni, Jo de Waele e Giampietro Marchesi.
Un momento di analisi che ha portato alla luce l’unicità e il patrimonio di Stiffe, che rappresentano per il settore un esempio didattico di come si formi una grotta. Le Grotte di Stiffe sono uno spettacolare ed unico fenomeno carsico, infatti, caratterizzato dalla presenza di un torrente sotterraneo formato dalle acque provenienti dall’Altopiano delle Rocche, che poi si inabissano nel Pozzo Caldaio a 2.600 m dall’imboccatura della caverna. Tecnicamente parlando, si tratta di una “risorgenza”, cioè il punto in cui un fiume torna alla luce dopo un tratto sotterraneo; nel caso di Stiffe questo punto è situato all’apice della forra che sovrasta il piccolo borgo, omonimo.

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
CALENDARIO DEGLI EVENTI NATA...
La Fontana Luminosa illumina...
Rassegna dei Cuochi: a Villa...
La città di Pineto operator...
Alla scoperta dell’Abr...
Sisma L’Aquila: le cel...
Centro Turistico del Gran Sasso Spa - +39 0862 606143 - +39 0862 400007 - Localit Fonte Cerreto Assergi - L'Aquila, (AQ)

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento