Utente: Guest      Login  Register  Login

Cicloturismo, puntare su vie interpoderali, ora sottoutilizzate

Prosegue evento del Gal ‘Costa dei Trabocchi’ a Vasto

Utilizzare le strade interpoderali di campagna per trasformarle in una rete.

Queste vie sono sottutilizzate, ma hanno un potenziale altissimo. Bisogna capire quali sono i percorsi giusti, per questo la rete è in continua evoluzione e aggiornamento”. Così Carlo Ricci, direttore del Gal Costa dei Trabocchi che ha organizzato il Bike summit 2022, la “due giorni” in svolgimento a Palazzo D’Avalos a Vasto sul tema “Verso una destinazionale cicloturistica della Costa dei Trabocchi”.
L’evento, iniziato ieri pomeriggio con la presentazione del report Isnart sul cicloturismo in Italia e in Europa, prosegue oggi con un workshop.
“Quest’anno è la settima edizione del ‘Costa dei Trabocchi Lab’, il nostro evento per discutere e ragionare sui programmi futuri, sul 2023 – spiega Ricci – L’idea e l’opportunità è di abbinarlo al ‘bike summit’. Ci è stata restituita un’a fotografia delle tendenze di tutto quello che si sta muovendo attorno al cicloturismo. Lo slogan: siamo in mezzo al guado, nel senso che abbiamo, insieme a tutto il territorio, deciso una serie di passi per diventare una destinazione cicloturistica. La sfida sarà affinare quegli aspetti che ci permetteranno di essere riconosciuti e apprezzati”.
Il direttore del Gal Costa dei Trabocchi sottolinea il lavoro svolto, in particolare in riferimento al progetto digitale.

“Abbiamo costituito una community di redattori che lavorano su siti web, sono 35 persone. L’idea è lanciare prodotti digitali più dinamici dei siti web: ad esempio un web-magazine stagionale con tutte le esperienze disponibili per il turismo attivo del territorio. Un’altra idea è una sorta di sito-catalogo, “Trabocchi active”, per raccogliere tutti i servizi e le proposte di esperienze. Della nuova rete ciclabile, dopo questo primo esperimento, vogliamo cambiare il sistema di segnaletica, aumentare i percorsi, creare una narrazione su ognuno. Abbiamo imparato che la rete funziona, ma non ha una forte capacità attrattiva. Quello che attrae è il percorso con il suo nome come la via dei Mulini, la via delle riserve naturali. Vogliamo lavorare su questo per far conoscere alternative alla via verde”

“In questo evento c’è il riconoscimento del lavoro svolto dal Gal che è il simbolo dell’azione di una strategia di sviluppo locale, una strategia che parte dal basso con il coinvolgimento degli attori locali, per fare rete – ha detto Francesco Di Filippo, dirigente del Dipartimento Agricoltura della Regione Abruzzo – Il Gal è un esempio vero di quello che vuol dire una strategia di sviluppo locale partendo dal basso. E quando c’è il coinvolgimento di tutti gli attori, non può non esserci successo. Sta andando molto bene questa attività della Costa dei trabocchi. I Gal si occupano sia di turismo sia delle filiere eno-gastronomicche. Tutti insieme rendono interessante il territorio, creano soprattutto sviluppo, economia sia a livello turistico sia di valorizzazione delle produzioni agroalimentari”.

@Ansa

 



SOSTIENI ABRUZZO VIVO
Il sito web interamente dedicato all'Abruzzo


Autore: Marco Maccaroni

Luoghi poco noti al turismo di massa di impareggiabile bellezza, ricchi di tradizioni, storia e arte. Territori selvaggi e montuosi che digradano in colline fino a raggiungere il mare. Il fascino di villaggi sospesi nel tempo e abbracciati da paesaggi maestosi e unici. Vicoli, viuzze medievali che trasportano in un mondo passato suscitando emozioni uniche. Le spettacolari isole Tremiti incastonate in un mare dalle mille tonalità di blu. Un viaggio in Abruzzo per scoprire la storia, l’arte e la natura di una regione ricca di tesori nascosti

Visualizza tutti gli articoli di Marco Maccaroni

Lascia un commento