0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti

La cascata della cisterna di Bolognano

 

Nel territorio comunale di Bolognano, provincia di Pescara, all’interno del Parco Nazionale della Majella, si trova una piscina naturale scavata nella roccia chiamata Cisterna di Bolognano, continuamente rifornita da una cascata d’acqua sorgiva. Questa, a sua volta, è circondata da uno stupendo scenario naturale, la Valle dell’Orta, area di 378 ettari divenuta nel 1989 un’area naturale protetta d’Abruzzo, che comprende un imponente canyon di roccia calcarea il cui percorso è stato scolpito dall’incessante scorrervi delle acque del fiume Orta per milioni di anni.
Il fiume Orta scorre da un’altitudine di circa 1.300 metri, per 25 km, fino a gettarsi nelle acque del fiume Pescara, con un letto piuttosto ampio ed acqua poco profonda, dando vita ad un canyon che rappresenta una delle aree più affascinanti e selvagge d’Abruzzo, ricco di siti archeologici e importanti stazioni climatiche e termali, quali Roccacaramanico, Sant’Eufemia a Majella, Caramanico, il Guado di San Leonardo, il monte Amaro ed il monte Cavallo.

 

 

L’escursione alla Cisterna si presenta semplice, sono circa 25 minuti di cammino che ha inizio dalla Chiesa di Sant’Antonio Abate, nel centro di Bolognano. Bisogna segnalare che farsi il bagno nella Cisterna è severamente vietato, e questo per prevenire i danni che le immersioni potrebbero arrecare ai delicatissimi muschi presenti ed a tutto il suo ecosistema.

La Valle dell’Orta è costellata di una serie di grotte, alcune di rilevante interesse archeologico. Tra tutte, meritano di essere menzionate la grotta dei Piccioni, la grotta Scura e la grotta buco Maledetto che risalgono al neolitico. Si trovano a 50-60 metri sopra il livello del fiume e sono diventate famose grazie al ritrovamento di pitture rupestri e altri reperti. In particolare, la Grotta Scura, lunga quasi 400 metri, ha una grande apertura laterale che si apre sulla valle, ritagliando una terrazza belvedere da cui si gode di un panorama mozzafiato.

 

 

 

HASTAG #abruzzovivo #abruzzovivoborghi #abruzzovivonelmondo #abruzzovivoarcheologia #abruzzovivoarteecultura #abruzzovivoborghi #abruzzovivocronaca #abruzzovivoenogastronomia #abruzzovivoeventi #abruzzovivoluoghiabbandonati #tabruzzovivomistero #abruzzovivonatura #Civitelladeltronto #abruzzovivopersonaggi #abruzzovivophotogallery #abruzzovivoscienza #abruzzovivoscrivevano #abruzzovivostoria #abruzzovivoterremoto #abruzzovivotradizioni #abruzzovivoviaggieturismo #abruzzovivovideo #abruzzovivomarcomaccaroni


  0 letture     Tempo lettura: 2 Minuti




Sostieni Abruzzo Vivo



Sito web interamente dedicato all'Abruzzo



Potrebbe interessarti
Eremo della Madonna di Pietr...
La grotta di Santa Maria Int...
Terre abbandonate in abruzzo...
Nel Parco del Gran Sasso sul...
La ciclabile Adriatica
Le Riserve i Parchi e le Are...
Le rovine rinvenute negli scavi del torrente Tavana sembrano accreditare la presenza di un nucleo abitato che risale all'epoca romana e definito Vicus Anninus

Autore
Informazioni su Marco Maccaroni 961 articoli
Classe 1956, perito elettronico industriale, ho conseguito attestati riconosciuti per attività su reti cablate LAN presso la IBM Italia. Ho svolto la mia attività lavorativa c/o Roma Capitale sino al 2020. Autore, nel 2014, del sito Abruzzo Vivo.

Lascia il primo commento

Lascia un commento