Monte Greco e la Valle di Chiarano

Monte Greco

L’Abruzzo è una delle regioni con più variabilità paesaggistica e straordinaria bellezza, grazie ai numerosi spettacoli geologici che offrono i diversi tipi di rocce che la caratterizzano. I meravigliosi paesaggi che si presentano agli occhi degli osservatori, esperti e non, sono l’espressione di un ecosistema naturale fascinosamente complesso e di inequivocabile valore geologiconaturalistico. Il territorio studiato ricade geograficamente tra il M. Greco a S, il Lago Pantaniello a N-W, la dorsale di M. Greco – Serra le Gravare ad W e le creste di Toppe del Tesoro ad E. Il bacino della Valle di Chiarano M. Greco, nell’area adiacente al Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, rappresenta uno dei settori più belli della regione peligna, poco ad est della Marsica.

Lago di Pantaniello

Nell’insieme è caratterizzato da dorsali calcaree in cui, specie nelle alte quote della porzione meridionale, si contraddistinguono l’ambiente rupestre e i ghiaioni calcarei. Il raccordo con il fondovalle e la parte centrale del bacino è segnato dai pascoli e dalle praterie d’alta quota, e dai boschi di faggio, nel settore settentrionale.I sistemi vallivi di Valle Pistacchia-Valle Cupa e di Valle Chiarano conservano una morfogenesi di origine glaciale; in particolare la Valle di Chiarano ha uno sviluppo di 8 km. In questo settore una delle più belle mete turistiche dell’area peligna è il Lago di Pantaniello (1818 m s.l.m.) che ha origine dallo sbarramento del piccolo bacino del Pantaniello a seguito della presenza di alcuni archi morenici.

Dorsale montuosa della Serra Rocca Chiarano

Lungo tutto il suo decorso, con profilo a U, la valle è caratterizzata, infatti, da materiale morenico in successione di dossi e cunette. La morfologia glaciale si riconosce fino alla località Bocche di Chiarano, dove la valle comincia a cambare profilo,diventando decisamente a V in corrispondenza della località Imposto. Le rocce che formano questo settore sono quelle tipiche di ambiente di transizione, con sedimentazione fortemente detritica, intercalata a vari livelli di rocce che sono tipiche degli ambienti di mare profondo. L’obiettivo principale della carta Geoturistica proposta è innanzitutto quello di divulgare il patrimonio geologico dell’area di M. Greco e Valle di Chiarano e, soprattutto, quello di far comprendere che il paesaggio che osserviamo oggi (una roccia, una frattura, una valle, una frana, ecc.) è il risultato di una storia lunga decine e/o centinaia di milioni di anni, ancora in evoluzione.

#Regione Abruzzo


SOSTIENI ABRUZZO VIVO

Il sito web interamente dedicato all'Abruzzo

Autore

Maccaroni Marco

Il mio obiettivo era ed è quello di diffondere i pregi e le virtù di un territorio straordinario, di un popolo forte e laborioso che ha subito nel tempo storiche influenze pur mantenendo tutte le sue peculiarità gestendo una terra difficile ma ricca. Dal mare alle pinete, dalle fertili colline alla dure montagne

Visualizza tutti gli articoli di Amministratore

Lascia un commento

Lascia un commento